Anno Scolastico 2012/2013: scuola più cara con la crisi e l'innalzamento dell'IVA

Scritto da: -

L'Organizzazione dei Consumatori e Utenti (OCU) calcola che l'inizio dell'anno scolastico costerà, in media, 640 euro per alunno a causa della grave crisi economica e per il passaggio dell'IVA dal 4 al 21% voluto dal Governo

SCUOLA-SPAGNA.jpg

La ripresa dell’anno scolastico sarà per le famiglie spagnole più dura rispetto agli anni passati, a causa della grave situazione economica dovuta alla crisi, aggravata dall’incremento dell’IVA.

A dirlo è il portavoce dell’Organizzazione dei Consumatori e Utenti (OCU) Enrique Garcìa, che calcola che l’inizio dell’anno scolastico costerà in media 640 euro a bambino: 510 nelle scuole pubbliche e 917 in quelle private. A cui si dovranno sommare circa 14 euro all’anno d’IVA e circa 124 euro per il materiale scolastico.

Anche i prezzi dei libri subiranno un aumento quest’anno del 2,39% con un costo medio, nella scuola primaria di circa 215 euro ad alunno.

Inoltre il rientro a scuola comporterà anche il pagamento di alcune tasse, la mensa scolastica e i mezzi di trasporto.

Per quest’anno, infine, “molti aiuti” regionali o comunali “spariranno” o saranno ridotti drasticamente. E così, per risparmiare, alcune regioni autonome come Madrid, Catalunya e Valencia permetteranno agli studenti di portarsi il pranzo da casa.

(Foto da Lavanguardia.com)

LINK UTILI:

Crisi Spagna: il Governo potenzia l’esportazione delle armi

Spagna Crisi Economica 2012: la Sanità non è più gratuita

Spagna crisi economica: tagli a scuola e sanità per 10miliardi; autonomie regionali a rischio

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 2 voti.  
 
 

© 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.
Per informazioni pubblicitarie e progetti speciali su Blogo.it contattare la concessionaria esclusiva Populis Engage.

Spagna.blogosfere.it fa parte del canale Blogo News di Blogo.it Srl socio unico - P. IVA 04699900967 - Sede legale: Via Pordenone 8 20132 Milano