Spagna Architettura: i ponti più spettacolari

Scritto da: -

Qui di seguito un elenco approssimativo di alcuni tra i ponti più interessanti dal punto di vista ingegneristico di Spagna

PONTI-SPAGNA-SARAGOZZA.jpeg

Lo sviluppo straordinario “sperimentato” dalle infrastrutture spagnole nelle ultime decadi ha cambiato non solo l’immagine, ma anche la fisionomia del Paese.

Alcune di queste opere ingegneristiche si sono convertite in autentici simboli, che ogni anno richiamano migliaia di turisti nelle varie località in cui sono collocate.

Sul sito Jot Down, vincitore del Premio Speciale della Giuria Bitacoras 2012 è possibile visionare un elenco di alcuni di questi singolari ponti.

Ponte Ingeniero Carlos Fernandez Casado: disegnato e progettato dall’ingegnere Javier Manterola questo viadotto di calcestruzzo con la sua campata di 440 metri era al suo tempo il ponte di questo tipo più lungo al mondo. Tre decenni dopo la sua inaugurazione, non ha nulla da invidiare alle opere di oggi, sia in difficoltà che bellezza.

Puente de la Barqueta: costruito per l’Expo del 1992 e progettato da Juan José Arenas e Marcos J. Pantaleón è diventato una delle icone di Siviglia grazie al suo caratteristico arco centrale sorretto da due vertici che fanno da portico d’entrata al ponte.

Ponte Pabellon: allo stesso modo di Siviglia anche Saragozza con l’Expo Universale del 2008 volle realizzare un ponte che diventasse un simbolo per la città. La progettazione fu affidata all’architetto anglo-iracheno, Zaha Hadid, che ispirandosi al Ponte vecchio di Firenze, concepì il progetto come passerella d’ingresso al quartiere fieristico. La struttura tridimensionale del ponte, basata su sezioni romboidali che si sviluppano su linee curve, fu di difficile realizzazione. Diviso in due campate di 100 e 150 metri, le fondazioni del pilastro centrale raggiungono i 70 metri di profondità.

Ponte Euskalduna: inaugurato nel 1997 si distingue per il suo raggio di curvatura di 120 metri e la caratteristica pensilina che copre la zona pedonale.

Ponte mobile del Porto di Barcellona: grazie alla distanza di 109 metri tra gli assi di rotazione, quest’opera ingegneristica progettata da Juan José Arenas è diventato il più grande ponte mobile al mondo dopo la sua inaugurazione nel 2000. Nonostante le grandi dimensioni, la semplicità delle sue linee conferiscono una sensazione di leggerezza e di robustezza, rinforzata ogni volta che la struttura si “muove” per consentire l’accesso delle barche al porto.

LINK UTILI:

Spagna Architettura: il Metropol Parasol tra i finalisti del Premio Mies Van der Rohe 2013

Architettura Spagna: progetti spettacolari del XXI secolo

Mercato de los Encants Barcellona: in via di realizzazione il nuovo progetto


Vota l'articolo:
3.56 su 5.00 basato su 9 voti.